Breaking News

Il "nostro" assessore riconsegna la delega all'ambiente.


Il dott. Nicola Podestà, assessore dell’ amministrazione Capacci, espressione del nostro movimento politico, Imperia di tutti Imperia per tutti, ha riconsegnato al momento la delega all’ ambiente al sindaco.

Ci pare un’ atto di grande correttezza istituzionale in questa fase della gestione dell’Assessorato all’Ambiente.

Ormai da mesi la gestione era diventata ed è anche ora, in questa fase transitoria, principalmente una “questione” legale. Il tema “spazzatura” ha impegnato totalmente assessore, dirigenti, tecnici e personale; In tali condizioni è stato difficile, se non impossibile fare politica, creare un indirizzo, costruire una progettualità condivisa correndo inevitabilmente e quasi esclusivamente dietro alle problematiche contingenti

Una situazione emergenziale, inizialmente difficilmente immaginabile fino a certi punti, che, è opportuno ricordare, è effetto di un progetto, di un capitolato scritto da altri, a cui si è reso necessario per questa amministrazione ( anche in questo caso come in molti altri) provare a porre rimedio.

L’esito estremamente positivo della rescissione contrattuale con Tradeco ( incameramento definitivo delle penali applicate dal Comune, riconoscimento delle spese legali e fatto importantissimo la rinuncia a qualsiasi causa legale ex post) evidenziano la profonda inadeguatezza del progetto che ci si è ritrovati a gestire.

L’assessore Podestà in questi due anni ha ricoperto il suo ruolo con estrema serietà con la consueta onestà e disponibilità, lavorando con determinazione e trasparenza, mediando nei rapporti con la Tradeco, con i dipendenti, con i sindacati e soprattutto con i cittadini, andando tra la gente ascoltando le lamentele di tutti, e facendo il meglio possibile per risolvere i disagi.

Di questo lavoro Imperia di Tutti Imperia per Tutti gliene rende merito, come riteniamo corretta l’assunzione della delega direttamente dal sindaco Capacci.

Per un uomo come l’assessore Podestà quindi oggi, di fronte a tali condizioni, è naturale riconsegnare la delega con molta trasparenza riconoscendo un necessario quanto momentaneo ridimensionamento delle sue prerogative amministrative nell’attesa che la situazione torni il prima possibile alla normalità.

Nessun commento