Breaking News

Imperia aderisce al progetto SPRAR
















Imperia aderisce definitivamente al progetto SPRAR. 

Pochi giorni fa la giunta comunale aveva votato l'adesione al bando Nazionale per il Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati da parte del comune di Imperia.

A fronte di ciò il Dott. Casano ha presentato una mozione che intendeva bloccare tale determina ritenendo fuori luogo che il Comune di Imperia intendesse espressamente rafforzare la logica e la cultura dell’accoglienza…
Con una maggioranza trasversale il consiglio comunale ha bocciato la mozione.  

Notevoli gli interventi contro tale mozione che hanno visto protagonisti i consiglieri Ranise ( FI) ,  Montesano ( Azione Civica)  , Saluzzo ( Imperia di Tutti) , Mezzera ( PD), Grosso ( Imperia bene comune). I consiglieri sono intervenuti dopo l'esaustiva relazione dell'assessore competente Giuseppe  De Bonis.

Dal sito dello Sprar ( www.sprar.it):

Il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) è costituito dalla rete degli enti locali che per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. A livello territoriale gli enti locali, con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di "accoglienza integrata" che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. 

Le caratteristiche principali del Sistema di protezione sono:

  • il carattere pubblico delle risorse messe a disposizione e degli enti politicamente responsabili dell'accoglienza, Ministero dell'Interno ed enti locali, secondo una logica di governance multilivello;
  • la volontarietà degli enti locali nella partecipazione alla rete dei progetti di accoglienza;
  • il decentramento degli interventi di "accoglienza integrata";
  • le sinergie avviate sul territorio con i cosiddetti "enti gestori", soggetti del terzo settore che contribuiscono in maniera essenziale alla realizzazione degli interventi;
  • la promozione e lo sviluppo di reti locali, con il coinvolgimento di tutti gli attori e gli interlocutori privilegiati per la riuscita delle misure di accoglienza, protezione, integrazione in favore di richiedenti e titolari di protezione internazionale.

E' possibile approfondire l'argomento consultando il sito www.sprar.it

Per quanto ci riguarda Imperia, grazie a questa maggioranza di cui Imperia di Tutti Imperia per Tutti è parte importante, ha fatto un altro passo verso una cultura dell'accoglienza e di tutela delle cosiddette "fasce deboli" dimostrando una sensibilità spesso sconosciuta a precedenti amministrazioni.  







Nessun commento